ricordati di me
 
carrello

Opinion Leader

Claudio Tozzi
Marco Neri
venerdì 18 dicembre 2009  Autore: Claudio Tozzi Commenti

Allenamento BIIOSystem®: Forza 2

(Roberto Amorosi Hernandez, atleta BIIO, in una dimostrazione dello Squat)



Allacciate le cinture, perché siamo arrivati alla scheda più dura, ma masochisticamente anche la più amata da tutti i BIIOlogi italiani e oramai del resto del mondo, visto che è appena uscita l’edizione spagnola del libro.
Si tratta della scheda che segue la già micidiale “Forza 1“ ed è proprio per questo ho cercato di diversificare e potenziare il mesociclo successivo, in modo da dare nuovi stimoli neuromuscolari.
Del resto il nostro organismo, se viene stimolato sempre con lo stesso sistema di intensità, anche se molto efficace, tende con tempo ad abituarsi e non è una bella cosa, in quando vuol dire che non aumenta più la forza/massa e quindi i vostri risultati.
Sono assolutamente d’accordo con Poliquin, il grande preparatore atletico canadese, che dice che dopo 6 sedute di un nuovo tipo di allenamento, l’organismo tende successivamente ad adattarsi a esso e quindi andare in stallo.
Per questo motivo, da sempre il BIIOSystem®, ancora prima dell’affermazione di Poliquin, non supera le 6 sedute per gruppo muscolare per scheda con lo stesso sistema.
Lo so, lo so...qualcuno di voi và ancora in giro con lo stesso allenamento dalla caduta del muro di Berlino, ma cercate di comprendere che nelle campagne italiane non c’è più molto lavoro per la semina/raccolta e quindi molti di questi simpatici braccianti si riversano in massa nelle cittadine palestre…

Come eseguire Forza 2

Forza 2 si esegue in questo modo:

  1. Si mette il 90% del nuovo massimale sul bilanciere.
  2. Si esegue una ripetizione, poi ci si riposa 10-15 secondi, poi un’altra, altri 10-15 e così via, fino a raggiungere 8 ripetizioni in totale.
  3. Se durante la serie (di solito intorno alla 3-4 ripetizione) vi accorgete di non poter andare avanti con quel peso, scalatelo progressivamente una o più volte per arrivare comunque a 8 ripetizioni. Nella seconda e terza serie rimettete comunque il vostro peso iniziale, il 90% del massimale.
  4. Nel secondo microciclo, se riuscite a raggiungere 8 ripetizioni senza scaricare nella prima serie, aggiungete 5-10kg nella seconda serie, a seconda del gruppo muscolare:
     
PRIMO MICROCICLO Panca orizzontale 90kg (massimale 100kg)
Prima serie 1x90 1x90 1x90 1x90 1x90 1x85 1x80 1x80
SECONDO MICROCICLO  Panca orizzontale 91kg (massimale 100kg)
aggiungere 1kg nel 2° microciclo
Prima serie 1x91 1x91 1x91 1x91 1x91 1x91 1x91 1x91
Seconda serie 1x95 1x95 1x95 1x90 1x90 1x85 1x85 1x85

 

Date le alte intensità fornite da questo mesociclo e da quelli successivi, il BIIO avrà una frequenza media, da ora in poi, stabilmente orientata sulle due volte alla settimana in A/B/C.
Ecco come si presenta la scheda :

 


Generalmente nel BIIOsystem non c’è particolare bisogno di un compagno di allenamento, ma in questo caso è utile avere una persona che ti aiuti a togliere via via il peso durante la serie, in modo da non far passare più dei 10-15 secondi previsti dal sistema.
Per quanto riguarda la percentuale del peso da togliere, varia da soggetto a soggetto, visto che ci sono alcuni che crollano e che quindi bisogna togliere anche il 5% del peso per continuare, mentre altri vanno avanti ad eseguire i micro-massimali semplicemente togliendo il 2,5% del peso.
Ovviamente, se anche con il peso abbassato non riuscite ad andare avanti con le ripetizioni, dovete comunque togliere ulteriore peso (anche ad ogni ripetizione) pur di arrivare alle 8 ripetizioni previste.
Come al solito valutate caso per caso, in quanto è bene che in questa fase il peso sia il massimo possibile per ogni ripetizione, la fine di mettere in massima crisi tutte le strutture neuro-muscolari al fine di ottenere una ottimale supercompensazione. Sui vari forum deliranti su internet troverete che la forza non serve e che la supercompensazione è una farsa; passate oltre e lasciate questa gente alle ridicole tesi complottistiche pur di dare addosso a qualcuno tanto per il puro gusto di farlo.
Fare periodi di forza non serve a nulla? La supercompensazione non esiste?
Ecco un video splicativo di un nostro atleta BIIOlogo ….

 



 

Periodo di Riposo

Alla fine dei due mesocicli di forza, è possibile anche alcuni di voi possano avere bisogno di una settimana aggiuntiva di riposo assoluto, anche per dare un po’ di tregua ai tendini, e successivamente inizieremo la programmazione ottimale per sfruttare l’incremento di forza che abbiamo ottenuto.
Nel caso abbiate un recupero molto veloce, passate subito alla scheda successiva senza questa settimana di relaz; potrebbe abbassarsi la curva di supercompensazione.
Calcolate che in questi due mesocicli si possono incrementare i vostri massimali con una percentuale che può andare (se è la prima volta che li eseguite) dal 10 al 18%! Ciò vuol dire che in circa 8 settimane il vostro massimale di panca potrebbe anche andare da 100 a 115/120 kg!
Ripeterò fino alla morte, quello che ho già scritto nel libro e cioè dovete assolutamente cercare di cambiare mentalità; il natural bodybuilding è praticamente un altro sport rispetto a quello dopato, e quindi segue regole completamente diverse.
Troppi sono i bodybuilders agonisti, anche possessori di titoli prestigiosi, che si allenano in maniera assolutamente vergognosa per pensare che non sono gli steroidi a fare il grosso del lavoro.
Non vi fate influenzare dai loro discorsi, che vertono al 90% sulle dosi, ciclicità ed effetti collaterali dei derivati del testosterone o del GH. Il loro non è più uno sport, ma farmacologia. Anche molti istruttori non dopati sono folgorati dal troppo allenamento, specialmente quelli che hanno i tecnici russi accanto a Padre Pio sui loro comodini e i loro consigli sono altrettanto deleteri, visto che predispongono allo stallo dei risultati e a gravi infortuni.
Se siete natural il vostro assetto ormonale reagisce positivamente allo sforzo solo se ne seguite le sue regole biologiche e quindi adottate i seguenti accorgimenti base:

  • ciclizzazione dell’allenamento;
  • sedute corte/brutali/infrequenti;
  • costante aumento dei carichi;
  • esasperazione del recupero attivo (saune, massaggi ecc.);
  • alimentazione corretta;
  • integratori mirati.


Il resto sono chiacchiere!!!


Claudio Tozzi
 

Le informazioni contenute in questo articolo hanno fini puramente divulgativi e non intendono in alcun modo sostituire il parere dei professionisti del settore sanitario. Consultate il vostro medico prima di iniziare qualsiasi programma di esercizio o integrazione nutrizionale.
Tutti i diritti sono riservati.
E' vietata la copia anche parziale senza il consenso scritto di Net-Integratori


media 3 su 4 voti
Claudio Tozzi: Claudio Tozzi è autore del libro “La scienza del natural body building – come crescere senza doping”. Ideatore del metodo BIIO è padre del Natural Bodybuilding in Italia e fondatore della NBBF


Non perdere i prossimi articoli, iscriviti al feed rss:
Stabilimento
La nostra garanzia
Il nostro catalogo 2014
Sfoglia il catalogo Net Integratori
Guida all' acquisto
Spedizioni in 24 ore, zero spese di spedizione in contrassegno, con ogni acquisto campioni e buoni acquisto. Come ordinare Condizioni di vendita Info spedizione Sicurezza